taxi_elettrici_nissan_roma.jpg.pagespeed.ce.vClc3vyJJe

URI, 3570 e Nissan hanno presentato le prime vetture a impatto 0.

Presto la sperimentazione coinvolgerà anche Firenze, Milano e altre città italiane.

Oggi Roma ha fatto il primo passo verso l’era della mobilita’ sostenibile. URI, 3570 e Nissan hanno presentato nel corso di una conferenza stampa i primi due taxi 100% elettrici, unici in Italia, e il camper per la ricarica mobile, unico al mondo. Sono intervenuti all’evento Loreno Bittarelli, Presidente URI (Unione Radiotaxi d’Italia) e Cooperativa Taxi 3570, Bruno Mattucci, Amministratore Delegato di Nissan Italia e Giovanna Rossi, Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l’Energia – Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Questa iniziativa si inserisce all’interno di “Via col verde”, l’ambizioso progetto per la mobilita’ sostenibile lanciato da URI nel 2012, per fornire una risposta alle preoccupazioni sempre maggiori degli italiani circa l’inquinamento della propria citta’. Secondo un’indagine promossa dal URI che ha coinvolto sia utenti di taxi, sia non utenti, il 71% degli intervistati ritiene che la propria citta’ sia molto o abbastanza inquinata, e l’80% giudica in modo positivo l’utilizzo di taxi elettrici, costituendo un notevole un vantaggio ecologico e ambientale. I taxi presentati oggi, due Nissan Leaf, sono 100% elettrici, non emettono CO2, e sono a bassissimo impatto ambientale, essendo prodotti per il 99% da materiali recuperabili e oltre il 60% della plastica utilizzata per gli interni e’ ricavato da materiali riciclati. La Capitale fara’ da apripista al progetto, nei prossimi mesi, infatti, arriveranno i primi taxi elettrici anche a Firenze, subito seguita da Milano, anche in vista dell’EXPO 2015.

“Questo per noi non e’ certo un punto di arrivo, ma il primo passo verso una mobilita’ veramente sostenibile e una Roma sempre più green. – Ha commentato con orgoglio Loreno Bittarelli. – Attualmente, pero’, nella Capitale sono presenti poche colonnine per la ricarica, e non tutti i tassisti hanno un proprio box nel quale ricaricare la vettura. Abbiamo, quindi, previsto un’unita’ mobile per la ricarica dei taxi che in 20 minuti consente di ripristinare l’80% della carica. Questo camper, unico al mondo, utilizza l’energia fotovoltaica prodotta grazie ai pannelli istallati nella nostra sede.”

“Il concetto di sostenibilita’ ambientale ha un ruolo molto importante nei nostri progetti di ricerca e sviluppo. – Ha commentato Bruno Mattucci. – Da oggi, Roma si unisce alle altre capitali mondiali che hanno gia’ avviato progetti di questo tipo e dove noi siamo presenti. Con questa iniziativa vogliamo dimostrare che la mobilita’ sostenibile, addirittura con 0 emissioni di CO2, non e’ qualcosa di futuristico ed astratto, ma un progetto concreto, attuabile gia’ da oggi e che puo’ essere esteso a chiunque.”

“L’innovazione è il filo conduttore delle politiche del nostro Ministero e siamo da sempre molto attenti alle novita’. – Ha dichiarato Giovanna Rossi. – La tecnologia ha, ormai, pervaso ogni aspetto della nostra vita, e parlare di mobilita’ sostenibile non e’ solo una necessita’ per adeguarsi alle direttive e alle normative della Comunita’ Europea, ma una naturale evoluzione del concetto stesso. Il Ministero dell’Ambiente Italiano in questo senso e’ stato una sorta di pioniere, iniziando ad affrontare questi temi gia’ oltre 10 anni fa, e progetti come quelli di oggi non possono che farci piacere, oltre a fornire un’ulteriore conferma del fatto che questa istituzione abbia gia’ da anni intrapreso la giusta direzione.”

L’avvento dei nuovi taxi elettrici e’ stato accolto di buon grado anche dai tassisti, come confermato da Marco, uno dei due autisti alla guida delle vetture elettriche: “Sono lieto che sia questo il futuro, la guida e’ molto piu’ confortevole e meno faticosa, e il motore e’ incredibilmente silenzioso. La Nissan nei giorni scorsi ci ha fatto una formazione adeguata a questo tipo di macchine, spiegandoci come ottimizzare le prestazioni. Anche i clienti, a parita’ di servizio, preferiscono i taxi elettrici.”

Comments are closed.